Come creare presentazioni efficaci?

Ottieni presentazioni "fatte su misura" per raggiungere gli obiettivi di business e marketing. 

Non esiste la formula magica, ma è necessario pensare in modo diverso per creare qualcosa di rilevante, utile e memorabile. Di seguito alcune modalità che possiamo sviluppare assieme per rendere visibile la tua azienda, la tua idea, il tuo brand. 

Sii conciso: the Elevator Pitch 

Questo strumento innovativo è utilizzato spesso per catturare l'attenzione di vari interlocutori quando si vuole presentare una nuova idea di business o un nuovo progetto. L'Elevator Pitch, chiamato anche l'Elevator Statement, si può realizzare in diverse forme, dalle presentazione scritte come email, PowerPoint, fino ai materiali grafici e video.

 

La principale caratteristica dell'Elevator Pitch è la capacità di concentrare tutti i messaggi in massimo 30 secondi e quindi comunicare subito il valore aggiunto del prodotto o del servizio proposto, con l'obiettivo di ottenere un finanziamento o trovare degli investitori e persone che vogliono sostenere la tua idea di business. 

Come funziona? 

Definisci lo scopo della presentazione: cosa vuoi ottenere?  

Spiega brevemente cosa fai: puoi esprimere in modo conciso e chiaro l'idea di base del tuo progetto o startup?

Comunica il tuo USP (unique-selling-proposition): riesci a individuare come ti differenzi dalle altre startup?

Coinvolgi il pubblico: qual è il prossimo passo? 

Qualsiasi forma venga scelta per la presentazione, il pitch è consigliato non solo per chi vuole diffondere subito la sua idea di startup, ma anche per chi vuole trovare un modo innovativo di presentare le sue attività. 

Sii diretto: Sales Presentation 

Ogni presentazione deve essere adatta al contesto di comunicazione che si può creare con un potenziale cliente. In questo senso è necessario conoscere come applicare le presentazioni nelle fasi di un sales funnel

Per sapere come utilizzare il rispettivo funnel, partiamo da un modello teorico utilizzato spesso nella pubblicità: AIDA - Awareness, Interest, Desire, Action.

 

Non ci fermiamo qui, perché una volta che il potenziale cliente è stato convertito in cliente effettivo si passa alla quinta fase dell 'Engagement,  cioé strategie di fidelizzazione per trasformarlo in un sostenitore del tuo brand. 

1° Il tuo prodotto/servizio non è ancora conosciuto 

Cattura l'attenzione! In questa fase il messaggio deve essere visibile ad un numero grande di persone per poter garantire che il funnel si restringa e arrivi ad un gruppo di potenziali clienti. I canali di comunicazione sono molteplici: eventi, Google Adwords, SEO, Youtube, social media, podcasting ecc. 

 

2° Hai qualcosa irresistibile da comunicare

Assicurate che crei anche interesse! Questo passo è fondamentale perché il messaggio deve convincere la persona a scatenare un segnale di interesse (richiesta dettagli durante l'evento, click sulla landing page o invio email) e approfondire la tua offerta. 

3° Devi convincere che la tua proposta sia la migliore

Funziona solo quando il tuo potenziale cliente si identifica nello scenario presentato. La fase di conversione inizia qui. I messaggi sono più selettivi e più personalizzati ai desideri del tuo target (ad esempio, inviare una demo del prodotto). 

4° Sei nella fase di negoziazione

Non dimenticare che il potenziale cliente aspetta un'offerta speciale per il suo "sforzo" di arrivare fino a qui. I messaggi devono rispondere alle richieste particolari e continuare a stimolare per procedere con l'azione. 

5° Oggi cliente, domani influencer del mio brand. 

Il sales funnel non è mai lineare, ma ciclico perché una volta chiuso il cerchio da qui possono nascere nuovi potenziali clienti e le presentazioni devono adattarsi al rispettivo contesto, target e bisogni. ​​

Sii creativo: Company Profile Presentation

ll profilo aziendale funziona come un curriculum vitae, enfatizzando l'esperienza (chi sono), i risultati (cosa faccio) e le potenzialità (come faccio).  

Conosci il tuo pubblico 

La presentazione dell'azienda è sempre la stessa per qualsiasi target? No. Anche se parliamo di un profilo aziendale, le informazioni vengono strutturate in base al pubblico di interesse.

 

Inizia con i risultati

Se vuoi ottenere l'empatia dell'interlocutore, presenta prima quello che è stato fatto o si vuole fare. Se non ci sono ancora dei risultati, parla degli obiettivi e dei piani che sono in funzione. Quali sono le prospettive che hai intenzione di realizzare nel prossimo anno? Prova ad includere  cosa è stato compiuto ad oggi e offri la panoramica delle future azioni. 

La fotografia del gruppo  

Le persone sono l'energia di ogni progetto. Dopo la parte introduttiva, è consigliato parlare del team aziendale dove ognuno ha il suo profilo per offrire una panoramica delle competenze e dei valori che generano dentro l'azienda. La visione e la mission aziendali sono vissute attraverso i dipendenti e i collaboratori!

L'utilità dei servizi e prodotti

Il focus delle informazioni non deve essere sulle funzionalità.  La chiave di una presentazione disruptive è di rimanere concentrati sui problemi a cui il pubblico può riferirsi, le alternative che ci sono sul mercato e in fine la soluzione proposta. 

La diapositiva finale 

Il primo e l'ultimo messaggio sono quelli che restano di più. La chiusura di una presentazione convoglia nell'invito ad un'azione da parte del pubblico: visitare il sito, organizzare un incontro, testare i prodotti ecc. 

Il design è tutto 

Non dobbiamo sottovalutare l'importanza della forma e l'estetica di una presentazione. Nel caso di un profilo aziendale, la grafica deve ricordare l'identità visuale dell'azienda, ma le informazioni devono essere illustrate in modo creativo e interattivo. 

Invia la tua richiesta!

arrow&v

Il tuo modulo è stato inviato!